Skip to main content

In breve

Lo splinting è una tecnica terapeutica che prevede l’utilizzo di tutori o steccature per immobilizzare, supportare o stabilizzare la mano e le dita. Questo trattamento è utilizzato per una varietà di condizioni che coinvolgono la mano, come fratture, lesioni dei tendini, sindromi dolorose, deformità articolari e altre patologie. Gli splint possono essere realizzati in materiali rigidi o elastici a seconda delle esigenze specifiche del paziente.


Vai alla Sezione

Splinting

Descrizione

Lo splinting è una tecnica terapeutica che prevede l’utilizzo di tutori o steccature per immobilizzare, supportare o stabilizzare la mano e le dita. Questo trattamento è utilizzato per una varietà di condizioni che coinvolgono la mano, come fratture, lesioni dei tendini, sindromi dolorose, deformità articolari e altre patologie. Gli splint possono essere realizzati in materiali rigidi o elastici a seconda delle esigenze specifiche del paziente.

Sintomi

Lo splinting viene utilizzato per alleviare sintomi come dolore, gonfiore, instabilità articolare, limitazione del movimento e debolezza muscolare. Questi sintomi possono essere causati da lesioni acute, malattie croniche, condizioni degenerative o traumi ripetuti alla mano.
Lo splinting fornisce un sostegno e una protezione alla mano, riducendo così l’infiammazione, migliorando il recupero e facilitando la guarigione.

Diagnosi

La diagnosi delle condizioni che richiedono lo splinting della mano viene stabilita da un medico specializzato, come un ortopedico o un terapista occupazionale, attraverso una valutazione fisica e una valutazione dei sintomi del paziente. Possono essere utilizzati anche esami diagnostici come radiografie, risonanza magnetica o ecografie per valutare la gravità e la causa dei sintomi.

Cure

Lo splinting della mano prevede l’applicazione di tutori o steccature specifici in base alle esigenze del paziente. Questi dispositivi possono essere prefabbricati o personalizzati per adattarsi alla forma e alle dimensioni della mano. Lo splinting può essere utilizzato in diverse fasi del processo di guarigione, come fase acuta per immobilizzare e proteggere l’area colpita, o in fase di riabilitazione per supportare e favorire il movimento controllato.

Durante il periodo di splinting, il paziente viene istruito su come indossare correttamente il tutore, come mantenerlo pulito e asciutto e su eventuali restrizioni di attività. È importante seguire attentamente le indicazioni del medico o del terapista riguardo alla durata dell’uso dello splint e alle modalità di rimozione. In alcuni casi, potrebbero essere necessarie visite di follow-up per monitorare il progresso e apportare eventuali regolazioni allo splint.

Lo splinting può essere parte integrante di un programma di trattamento più ampio che può includere terapia fisica, terapia occupazionale, esercizi terapeutici e altre modalità di cura. L’obiettivo dello splinting è quello di fornire un adeguato supporto e protezione alla mano, facilitando il recupero e promuovendo la funzionalità della mano nel lungo termine.

È importante consultare un professionista sanitario specializzato per la corretta valutazione e prescrizione di uno splinting. La scelta del tipo di splint e l’applicazione corretta dipenderanno dalle esigenze specifiche del paziente e dalla natura della condizione o dell’infortunio alla mano.