Skip to main content
Per i Pazienti
Gruppo Multimedica

Il Giorno dell’Esame

Accettazione

Il giorno dell’appuntamento, il personale del Punto Informazione la indirizzerà agli sportelli dedicati alle attività di registrazione dei suoi dati anagrafici (per il primo accesso alle nostre strutture), di accettazione e pagamento della  prenotazione.

DOCUMENTI NECESSARI

Servizio Sanitario Nazionale

  • Impegnativa del medico curante
  • Codice fiscale
  • Carta d’identità o documento equipollente
  • Libretto sanitario e Carta Regionale dei Servizi Sanitari
  • Eventuale tessera di esenzione

Libera Professione/Convenzione

  • Prescrizione dello specialista (obbligatoria solo per prestazioni di diagnostica strumentale)
  • Carta d’identità o documento equipollente
  • Codice fiscale
  • Eventuale tessera di appartenenza ad un Ente convenzionato con il Gruppo MultiMedica
CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E/O SENSIBILI

Le verrà richiesto di dare il consenso a:

  • trattamento dei propri dati da parte del Gruppo MultiMedica per utilizzo sanitario ed amministrativo ai sensi dell’art.13 del Dlgs 196/2003;
  • raccolta, registrazione e conservazione dei propri dati clinici e/o materiali biologici da parte del Gruppo MultiMedica per prevenzione, diagnosi, cura e studio.

Il testo completo dell’informativa riguardante il trattamento dei dati personali e/o sensibili ai sensi dell’art.13 del Dlgs 196/2003 è a sua disposizione presso le reception di ogni piano, unitamente all’elenco dei diritti previsti dall’art.7 del medesimo decreto legislativo.

CONSENSO INFORMATO

Ogni cittadino ha diritto di esprimere il proprio consenso o dissenso rispetto ai trattamenti proposti dal personale sanitario, viene cioè garantito il diritto ad autodeterminarsi in ordine alle scelte sanitarie.

Il consenso informato è l’espressione della volontà del paziente che autorizza gli operatori sanitari ad effettuare il trattamento (diagnostico e/o terapeutico) per il quale è stato informato e, nello stesso tempo, consente la partecipazione del paziente alle decisioni sulla sua salute.

Il paziente e i suoi familiari (qualora il paziente stesso autorizzi questa comunicazione) hanno diritto di ricevere informazioni adeguate sulla malattia, sul trattamento proposto e sui professionisti sanitari affinché possano prendere decisioni consapevoli.

MINORENNI

Secondo il codice civile la responsabilità genitoriale sui figli, sino all’età maggiore od all’emancipazione, è esercitata congiuntamente da entrambi i genitori (anche se divorziati o separati), o da un solo genitore se l’altro genitore è morto, o decaduto, o sospeso dalla responsabilità, ovvero in caso di incapacità od altro impedimento che renda impossibile ad uno dei genitori l’esercizio della responsabilità genitoriale.

Nei casi di comuni trattamenti medici è sufficiente il consenso di uno solo dei genitori; questo in applicazione del principio generale che gli atti di ordinaria amministrazione possono essere compiuti disgiuntamente da ciascun genitore.

Qualora sia richiesta la presenza di entrambi i genitori, nei casi in cui un genitore si trovi all’estero o sia assente per gravi motivi, è possibile procedere con la compilazione del modulo MD GOP 006 Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà art 47 dpr 18/12/2000 n. 445”.

Nel caso di prestazioni cicliche o che non richiedano la sottoscrizione di uno consenso informato, qualora i genitori siano impossibilitati ad accompagnare il minore per l’esecuzione della prestazione sanitaria, gli stessi devono sottoscrivere una delega tramite modulo MD GOP 007 Delega accompagnamento minore per prestazioni sanitarie non invasive/routinarie”.

PRELIEVO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ANTICORPI ANTI HIV

Il medico che prescrive il prelievo venoso per la determinazione degli anticorpi anti HIV, è tenuto a fornire l’informazione al paziente ed a raccogliere il consenso, facendo firmare l’apposito modulo. L’esito di questo accertamento sarà inserito nel Dossier Sanitario del paziente solo previa acquisizione di uno specifico consenso.

PAZIENTE IMPOSSIBILITATO ALLA FIRMA

Il paziente incapace di intendere e di volere, potrebbe non essere in condizione di prestare un consenso consapevole all’atto sanitario in quanto privo di capacità di discernimento ed incapace di esprimere validamente la propria volontà.
Esistono vari istituti a tutela di soggetti maggiorenni (o minori emancipati) che prevedono la nomina da parte del giudice di figure giuridiche che si sostituiscono totalmente o parzialmente al soggetto incapace (tutore, curatore, amministratore di sostegno)