Skip to main content

Arteriopatia Periferica

Descrizione

L’arteriopatia periferica è una condizione caratterizzata dalla riduzione del flusso sanguigno alle arterie degli arti superiori e inferiori, causata da ostruzioni o restringimenti delle arterie stesse.
Questa malattia tende a svilupparsi soprattutto con l’avanzare dell’età, e si stima che colpisca circa un terzo delle persone ultrasettantenni. Fattori come il fumo di sigaretta, la sedentarietà e la presenza di patologie come il diabete aumentano il rischio di sviluppare questa condizione anche a un’età più giovane.
È importante trattare adeguatamente l’arteriopatia periferica non solo per evitare la perdita dell’arto colpito, ma anche per ridurre il rischio di sviluppare altre malattie cardiovascolari (come infarto e ictus), che possono essere correlati a questa patologia.

Cause

la principale causa dell’arteriopatia periferica è l’aterosclerosi, una malattia infiammatoria in cui si verificano restringimenti delle arterie a causa della formazione di placche costituite da grassi, proteine e tessuto fibroso all’interno delle pareti arteriose. 

Ci sono diversi fattori che aumentano il rischio di sviluppare questa malattia, tra cui:

età (le persone sopra i 50 anni sono più a rischio)

sesso (gli uomini sono più colpiti delle donne)

fumo

diabete

ipertensione

alti livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue 

livelli elevati di omocisteina (un aminoacido) 

sovrappeso o obesità.

Sintomi

I sintomi dell’arteriopatia periferica possono variare a seconda della gravità della malattia.
I casi più lievi sono tipicamente asintomatici. Tuttavia, nei casi più avanzati, i sintomi possono includere quanto segue.

  • Claudicatio intermittens: dolore muscolare che si verifica mentre si cammina e si allevia con il riposo. Il dolore è solitamente localizzato nella zona del polpaccio ed è causato dalla incapacità del sistema arterioso di far fronte alle aumentate richieste di ossigeno che il muscolo sviluppa durante l’esercizio.
  • Intorpidimento e/o debolezza dell’arto colpito: l’afflusso sanguigno ridotto può causare sensazioni di intorpidimento o debolezza nell’arto colpito.
  • Cambiamenti di colore dell’arto colpito: l’arto interessato può presentare una colorazione più pallida o bluastra rispetto all’arto sano. Questo è dovuto alla mancanza di ossigeno e alla ridotta circolazione sanguigna.
  • Sensazione di freddo nell’arto colpito: l’arto può risultare più freddo al tatto rispetto alle altre parti del corpo.
  • Alterazioni della pelle: la pelle dell’arto colpito può apparire più lucida e sottile. In alcuni casi, possono verificarsi ritardi nella crescita dei peli o delle unghie.
  • Ulcere o piaghe: nei casi più gravi, quando la circolazione sanguigna è gravemente compromessa, possono formarsi ulcere o piaghe sulla pelle dell’arto colpito. Queste lesioni sono difficili da guarire e possono essere dolorose.
  • Disfunzione erettile: negli uomini, l’arteriopatia periferica può manifestarsi con problemi di erezione, a causa dell’afflusso sanguigno compromesso al pene.

È importante sottolineare che i sintomi possono variare da individuo a individuo e che la gravità della malattia può influire sulla loro manifestazione

Misure Preventive

Per prevenire l’arteriopatia periferica, è consigliabile adottare le seguenti misure preventive.

  • Smettere di fumare: il tabagismo è un fattore di rischio significativo per lo sviluppo dell’arteriopatia periferica. L’abbandono del fumo è fondamentale per preservare la salute delle arterie e ridurre il rischio di ostruzioni.
  • Fare esercizio fisico regolare: praticare attività fisica moderata, come camminare o fare altre forme di esercizio aerobico, può migliorare la circolazione sanguigna e favorire la salute delle arterie. Si consiglia di dedicare almeno 30 minuti al giorno per almeno 3-4 giorni a settimana all’attività fisica.
  • Seguire una dieta sana: una dieta equilibrata, ricca di frutta, verdura, cereali integrali, proteine magre e grassi sani, può contribuire a mantenere il peso corporeo adeguato e a controllare i livelli di colesterolo e pressione sanguigna. Limitare il consumo di cibi ad alto contenuto di grassi saturi, colesterolo e sodio è particolarmente importante.
  • Controllare il diabete: per le persone con diabete, è essenziale mantenere livelli di zucchero nel sangue stabili attraverso una dieta appropriata, l’assunzione di farmaci prescritti e il monitoraggio regolare dei livelli di glucosio. Mantenere il diabete sotto controllo aiuta a ridurre il rischio di complicanze vascolari, tra cui l’arteriopatia periferica.
  • Ridurre il colesterolo: limitare l’assunzione di cibi ad alto contenuto di colesterolo e grassi saturi può aiutare a mantenere i livelli di colesterolo nel sangue nella norma. In alcuni casi, potrebbe essere necessario assumere farmaci specifici prescritti dal medico per controllare il colesterolo alto.
  • Trattare l’ipertensione: monitorare regolarmente la pressione sanguigna e adottare le misure necessarie per mantenerla entro i valori consigliati. Ciò può comportare modifiche dello stile di vita, come una dieta a basso contenuto di sodio, l’esercizio fisico e, in alcuni casi, l’assunzione di farmaci prescritti.
  • Mantenersi in peso forma: mantenere un peso corporeo sano ed evitare il sovrappeso o l’obesità riduce il carico sul sistema vascolare e può contribuire a prevenire l’arteriopatia periferica. Seguire una dieta equilibrata e praticare regolarmente attività fisica sono componenti chiave per il mantenimento del peso forma.

Adottando uno stile di vita sano e facendo regolarmente controlli medici, è possibile ridurre significativamente il rischio di sviluppare l’arteriopatia periferica e altre malattie cardiovascolari.
È sempre consigliabile consultare un medico per un’adeguata valutazione del proprio stato di salute e per definire le misure preventive più appropriate in base alle esigenze individuali.

In breve


Vai alla Sezione
Dove Curarsi


Centro Ipertensione

Scopri di più


Descrizione

L’arteriopatia periferica è una condizione caratterizzata dalla riduzione del flusso sanguigno alle arterie degli arti superiori e inferiori, causata da ostruzioni o restringimenti delle arterie stesse.
Questa malattia tende a svilupparsi soprattutto con l’avanzare dell’età, e si stima che colpisca circa un terzo delle persone ultrasettantenni. Fattori come il fumo di sigaretta, la sedentarietà e la presenza di patologie come il diabete aumentano il rischio di sviluppare questa condizione anche a un’età più giovane.
È importante trattare adeguatamente l’arteriopatia periferica non solo per evitare la perdita dell’arto colpito, ma anche per ridurre il rischio di sviluppare altre malattie cardiovascolari (come infarto e ictus), che possono essere correlati a questa patologia.

Cause

la principale causa dell’arteriopatia periferica è l’aterosclerosi, una malattia infiammatoria in cui si verificano restringimenti delle arterie a causa della formazione di placche costituite da grassi, proteine e tessuto fibroso all’interno delle pareti arteriose.

Ci sono diversi fattori che aumentano il rischio di sviluppare questa malattia, tra cui:

  • età (le persone sopra i 50 anni sono più a rischio)
  • sesso (gli uomini sono più colpiti delle donne)
  • fumo
  • diabete
  • ipertensione
  • alti livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue 
  • livelli elevati di omocisteina(un aminoacido)
  • sovrappeso o obesità.

Sintomi

I sintomi dell’arteriopatia periferica possono variare a seconda della gravità della malattia.
I casi più lievi sono tipicamente asintomatici. Tuttavia, nei casi più avanzati, i sintomi possono includere quanto segue.

  • Claudicatio intermittens: dolore muscolare che si verifica mentre si cammina e si allevia con il riposo. Il dolore è solitamente localizzato nella zona del polpaccio ed è causato dalla incapacità del sistema arterioso di far fronte alle aumentate richieste di ossigeno che il muscolo sviluppa durante l’esercizio.
  • Intorpidimento e/o debolezza dell’arto colpito: l’afflusso sanguigno ridotto può causare sensazioni di intorpidimento o debolezza nell’arto colpito.
  • Cambiamenti di colore dell’arto colpito: l’arto interessato può presentare una colorazione più pallida o bluastra rispetto all’arto sano. Questo è dovuto alla mancanza di ossigeno e alla ridotta circolazione sanguigna.
  • Sensazione di freddo nell’arto colpito: l’arto può risultare più freddo al tatto rispetto alle altre parti del corpo.
  • Alterazioni della pelle: la pelle dell’arto colpito può apparire più lucida e sottile. In alcuni casi, possono verificarsi ritardi nella crescita dei peli o delle unghie.
  • Ulcere o piaghe: nei casi più gravi, quando la circolazione sanguigna è gravemente compromessa, possono formarsi ulcere o piaghe sulla pelle dell’arto colpito. Queste lesioni sono difficili da guarire e possono essere dolorose.
  • Disfunzione erettile: negli uomini, l’arteriopatia periferica può manifestarsi con problemi di erezione, a causa dell’afflusso sanguigno compromesso al pene.

È importante sottolineare che i sintomi possono variare da individuo a individuo e che la gravità della malattia può influire sulla loro manifestazione

Misure Preventive

Per prevenire l’arteriopatia periferica, è consigliabile adottare le seguenti misure preventive.

  • Smettere di fumare: il tabagismo è un fattore di rischio significativo per lo sviluppo dell’arteriopatia periferica. L’abbandono del fumo è fondamentale per preservare la salute delle arterie e ridurre il rischio di ostruzioni.
  • Fare esercizio fisico regolare: praticare attività fisica moderata, come camminare o fare altre forme di esercizio aerobico, può migliorare la circolazione sanguigna e favorire la salute delle arterie. Si consiglia di dedicare almeno 30 minuti al giorno per almeno 3-4 giorni a settimana all’attività fisica.
  • Seguire una dieta sana: una dieta equilibrata, ricca di frutta, verdura, cereali integrali, proteine magre e grassi sani, può contribuire a mantenere il peso corporeo adeguato e a controllare i livelli di colesterolo e pressione sanguigna. Limitare il consumo di cibi ad alto contenuto di grassi saturi, colesterolo e sodio è particolarmente importante.
  • Controllare il diabete: per le persone con diabete, è essenziale mantenere livelli di zucchero nel sangue stabili attraverso una dieta appropriata, l’assunzione di farmaci prescritti e il monitoraggio regolare dei livelli di glucosio. Mantenere il diabete sotto controllo aiuta a ridurre il rischio di complicanze vascolari, tra cui l’arteriopatia periferica.
  • Ridurre il colesterolo: limitare l’assunzione di cibi ad alto contenuto di colesterolo e grassi saturi può aiutare a mantenere i livelli di colesterolo nel sangue nella norma. In alcuni casi, potrebbe essere necessario assumere farmaci specifici prescritti dal medico per controllare il colesterolo alto.
  • Trattare l’ipertensione: monitorare regolarmente la pressione sanguigna e adottare le misure necessarie per mantenerla entro i valori consigliati. Ciò può comportare modifiche dello stile di vita, come una dieta a basso contenuto di sodio, l’esercizio fisico e, in alcuni casi, l’assunzione di farmaci prescritti.
  • Mantenersi in peso forma: mantenere un peso corporeo sano ed evitare il sovrappeso o l’obesità riduce il carico sul sistema vascolare e può contribuire a prevenire l’arteriopatia periferica. Seguire una dieta equilibrata e praticare regolarmente attività fisica sono componenti chiave per il mantenimento del peso forma.

Adottando uno stile di vita sano e facendo regolarmente controlli medici, è possibile ridurre significativamente il rischio di sviluppare l’arteriopatia periferica e altre malattie cardiovascolari.
È sempre consigliabile consultare un medico per un’adeguata valutazione del proprio stato di salute e per definire le misure preventive più appropriate in base alle esigenze individuali.