Skip to main content

In breve

La chirurgia endoscopica della mano è un approccio innovativo per la diagnosi e la cura di una vasta gamma di patologie che colpiscono le strutture della mano. Questa tecnica chirurgica minimamente invasiva offre numerosi vantaggi rispetto ai tradizionali interventi chirurgici aperti, inclusa una minore invasività, tempi di recupero più brevi e risultati estetici migliori. Di seguito, esploreremo la patologia trattata con la chirurgia endoscopica della mano, i sintomi associati, i metodi diagnostici utilizzati e le opzioni di cura disponibili.


Vai alla Sezione

Chirurgia Endoscopica della Mano

Descrizione

La chirurgia endoscopica della mano può essere utilizzata per trattare diverse patologie, tra cui la sindrome del tunnel carpale, l’artrosi della mano e del polso, la tenosinovite stenosante di De Quervain, le tendinopatie del polso e le lesioni dei tendini flessori e estensori della mano. Queste condizioni possono causare dolore, gonfiore, limitazione dei movimenti e ridotta funzionalità della mano, compromettendo le attività quotidiane.

Sintomi

I sintomi associati a queste patologie possono variare a seconda della condizione specifica. Ad esempio, nella sindrome del tunnel carpale, i pazienti possono sperimentare intorpidimento, formicolio e debolezza nella mano e nelle dita. Nell’artrosi della mano e del polso, i sintomi possono includere dolore, rigidità e deformità articolare. Nella tenosinovite stenosante di De Quervain, i pazienti possono avvertire dolore al polso e alla base del pollice durante i movimenti. Le lesioni dei tendini flessori ed estensori possono causare dolore e limitazione dei movimenti delle dita.

Diagnosi

La diagnosi di queste patologie della mano viene effettuata mediante una valutazione completa della storia clinica del paziente, un esame obiettivo e, se necessario, l’utilizzo di test diagnostici aggiuntivi. Tra gli strumenti diagnostici comuni utilizzati vi sono la radiografia, l’ecografia e la risonanza magnetica. Tali test consentono di identificare la causa del problema, valutare l’estensione del danno e determinare se il paziente è un candidato adatto per la chirurgia endoscopica.

Cure

La chirurgia endoscopica della mano offre una soluzione efficace per il trattamento di queste patologie. Durante l’intervento, vengono effettuate piccole incisioni nella mano, attraverso le quali viene inserito un endoscopio, un sottile strumento dotato di una telecamera e di altri strumenti chirurgici specializzati. Questo permette ai chirurghi di visualizzare l’area interessata in dettaglio e di eseguire interventi precisi senza dover effettuare tagli di grandi dimensioni.

I vantaggi di questa tecnica includono una minore perdita di sangue, una riduzione delle cicatrici visibili, un minor rischio di infezioni, una minore necessità di anestesia generale e un periodo di recupero più rapido rispetto alla chirurgia tradizionale. In molti casi, la chirurgia endoscopica della mano può essere eseguita in regime di day surgery, consentendo al paziente di tornare alle normali attività quotidiane nel minor tempo possibile.

Per concludere, la chirurgia endoscopica della mano rappresenta un’alternativa affidabile e efficace per il trattamento di diverse condizioni che coinvolgono questa parte del corpo. Grazie alla sua minore invasività, tempi di recupero più rapidi e risultati estetici superiori, questa procedura sta diventando sempre più popolare sia tra i pazienti che tra i chirurghi. Nel caso si sospetti la presenza di una patologia della mano, è sempre consigliabile consultare uno specialista per ottenere una diagnosi precisa e valutare le diverse opzioni di trattamento, tra cui la chirurgia endoscopica.