Skip to main content

In breve

L’epicondilite, comunemente nota come “gomito del tennista” o “gomito del golfista“, è una condizione caratterizzata da infiammazione e dolore nella regione dell’epicondilo, che è l’area ossea saliente sul lato esterno o interno del gomito.


Vai alla Sezione

Epicondilite

Descrizione

L’epicondilite, comunemente nota come “gomito del tennista” o “gomito del golfista“, è una condizione caratterizzata da infiammazione e dolore nella regione dell’epicondilo, che è l’area ossea saliente sul lato esterno o interno del gomito. L’epicondilite laterale, associata al movimento ripetitivo del polso e dell’avambraccio esterno, è spesso chiamata “gomito del tennista”, mentre l’epicondilite mediale, legata ai movimenti ripetitivi del polso e dell’avambraccio interno, è conosciuta come “gomito del golfista”. Entrambe le forme di epicondilite sono causate da microtraumi ripetitivi ai tendini che si inseriscono sull’epicondilo.

Sintomi

I sintomi comuni dell’epicondilite includono dolore localizzato all’esterno o all’interno del gomito, che può irradiarsi verso l’avambraccio. Il dolore può essere peggiorato dal movimento o dalla presa ferma. In caso di epicondilite laterale, solitamente si avverte dolore durante la presa e il sollevamento di oggetti, durante la torsione dell’avambraccio o durante i movimenti di estensione del polso. Nell’epicondilite mediale, il dolore si verifica spesso durante la flessione del polso o la presa di oggetti, nella laterale, il dolore appare durante l’estensione del polso. Nei casi più gravi, il movimento del gomito può essere limitato e il dolore può persistere anche a riposo.

Diagnosi

La diagnosi di epicondilite viene solitamente effettuata attraverso un esame obiettivo completo e la valutazione dei sintomi. Durante l’esame, il medico può applicare pressione sull’epicondilo per provocare dolore o richiedere al paziente di eseguire specifici movimenti dell’avambraccio e del polso per valutare l’irritazione dei tendini. In alcuni casi, possono essere richiesti esami di imaging come radiografie, ecografie o risonanze magnetiche per escludere altre condizioni o danni strutturali.

Cure

Il trattamento dell’epicondilite può includere una combinazione di terapie conservative.
Tra le opzioni di trattamento rientrano:

  1. Riposo e limitazione delle attività che aggravano il dolore.
  2. Applicazione di ghiaccio sulla zona interessata per ridurre l’infiammazione.
  3. Utilizzo di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione.
  4. Fisioterapia per rafforzare i muscoli dell’avambraccio e migliorare la flessibilità.
  5. Utilizzo di tutori per fornire sostegno e ridurre lo stress sui tendini interessati.

Nella maggior parte dei casi, l’epicondilite si risolve con il trattamento conservativo. Tuttavia, nei casi persistenti o gravi in cui le terapie conservative non sono efficaci, può essere presa in considerazione l’intervento chirurgico. La chirurgia può comportare la rimozione delle aree danneggiate dei tendini o la riparazione dei tendini stessi.

È importante consultare un medico per una valutazione accurata e un piano di trattamento adeguato per l’epicondilite. Inoltre, adottare misure preventive come il riscaldamento adeguato prima dell’attività fisica, l’utilizzo di tecniche corrette e l’uso di attrezzature adeguate può aiutare a prevenire l’insorgenza dell’epicondilite.