Skip to main content

In breve

L’Unità Operativa di Chirurgia della mano del Gruppo MultiMedica è specializzata nella gestione delle neoformazioni che possono svilupparsi a livello della mano e delle strutture adiacenti. Le neoformazioni rappresentano una varietà di tumori o masse anomale che possono colpire i tessuti della mano. Di seguito, esploreremo la descrizione delle neoformazioni, i sintomi correlati, le modalità di diagnosi e le opzioni di cura disponibili per i pazienti che si rivolgono all’Unità Operativa di Chirurgia della mano del Gruppo MultiMedica.


Vai alla Sezione

Neoformazioni

Descrizione

Le neoformazioni che coinvolgono l’Unità Operativa di Chirurgia della mano possono essere di diversi tipi, tra cui tumori benigni e maligni. I tumori benigni sono non cancerosi e tendono a crescere lentamente senza diffondersi ad altre parti del corpo. Alcuni esempi comuni di tumori benigni della mano includono cisti sinoviali, lipomi e fibromi. I tumori maligni, invece, sono cancerosi e possono diffondersi ad altre parti del corpo. Esempi di tumori maligni che possono interessare la mano sono il sarcoma dei tessuti molli e il carcinoma a cellule squamose.

Sintomi

I sintomi delle neoformazioni nella mano possono variare a seconda del tipo e della posizione del tumore. Tuttavia, alcuni segni comuni possono includere la formazione di una massa o tumefazione palpabile nella mano o nelle dita, dolore localizzato, deformità o limitazione della mobilità dell’articolazione interessata, perdita di sensibilità, perdita di forza o funzionalità della mano, e eventualmente sintomi sistemici come perdita di peso o affaticamento.

Diagnosi

La diagnosi delle neoformazioni che coinvolgono l’Unità Operativa di Chirurgia della mano richiede un’approfondita valutazione clinica e una serie di esami diagnostici. Questi possono includere esami radiografici, come radiografie o tomografia computerizzata (TC), che possono fornire immagini dettagliate delle strutture ossee della mano e rilevare eventuali anomalie. In alcuni casi, può essere necessaria un’ecografia o una risonanza magnetica (RM) per valutare le strutture molli e i tessuti circostanti. L’esame istologico del tessuto prelevato tramite biopsia può essere eseguito per determinare la natura benigna o maligna della neoformazione.

Cure

Le opzioni di cura per le neoformazioni che coinvolgono l’Unità Operativa di Chirurgia della mano del Gruppo MultiMedica dipendono dal tipo, dalla dimensione e dalla localizzazione del tumore, nonché dalle caratteristiche individuali del paziente. In molti casi, l’intervento chirurgico rappresenta il trattamento principale, con l’obiettivo di rimuovere completamente il tumore. La chirurgia può essere seguita da terapie complementari come la radioterapia o la chemioterapia per distruggere eventuali cellule tumorali residue o prevenire una recidiva. La riabilitazione post-operatoria, compresa la terapia fisica e occupazionale, può essere importante per ripristinare la funzionalità e la mobilità della mano dopo il trattamento chirurgico.

L’unità specialistica di Chirurgia della mano presso il Gruppo MultiMedica vanta una vasta competenza nella gestione delle anomalie tumorali che coinvolgono l’area della mano.
La rilevazione tempestiva e l’intervento prontamente eseguito sono elementi cruciali per ottimizzare le probabilità di successo nel trattamento di tali formazioni anomale. I pazienti possono beneficiare di una valutazione specializzata, di un approccio multidisciplinare e di soluzioni terapeutiche personalizzate per affrontare le neoformazioni e favorire una pronta riabilitazione della funzionalità della mano.