Skip to main content

In breve

La sindrome dell’interosseo anteriore è una patologia che colpisce l’avambraccio e la mano, causando dolore e limitazioni funzionali.


Vai alla Sezione

Sindrome dell’Interosseo Anteriore

Descrizione

La sindrome dell’interosseo anteriore è una patologia che colpisce l’avambraccio e la mano, causando dolore e limitazioni funzionali. Si tratta di una condizione che coinvolge l’interosseo anteriore, un nervo situato tra l’ulna e il radio nella parte anteriore dell’avambraccio. Questo nervo controlla i muscoli responsabili delle flessione delle dita e del pollice.

Sintomi

I sintomi più comuni associati alla sindrome dell’interosseo anteriore includono dolore nell’avambraccio, in particolare nella regione prossimale, vicino al gomito. Il dolore può irradiarsi verso il polso e la mano. Oltre al dolore, i pazienti possono sperimentare debolezza e difficoltà nell’eseguire attività che richiedono la flessione delle dita, come afferrare oggetti o stringere la mano.

Diagnosi

La diagnosi della sindrome dell’interosseo anteriore si basa principalmente sulla valutazione clinica e sull’esclusione di altre condizioni simili. Il medico esaminerà attentamente l’avambraccio e la mano alla ricerca di segni di infiammazione, dolore o debolezza muscolare. Possono essere eseguiti anche test specifici, come il test dell’impugnatura, il test della pronazione contro resistenza e il segno dell’ok, per confermare la presenza della sindrome.

Cure

Una volta confermata la diagnosi, il trattamento della sindrome dell’interosseo anteriore può includere diverse modalità. Inizialmente, si tratta il paziente con terapia occupazione, tutori e fisioterapia.

La terapia fisica è spesso raccomandata per ripristinare la forza e la flessibilità dell’avambraccio. Gli esercizi mirati possono essere prescritti per rafforzare i muscoli deboli e migliorare la coordinazione dei movimenti dell’avambraccio. L’utilizzo di tutori o splint può essere utile per stabilizzare l’articolazione e ridurre il carico sull’interosseo anteriore durante le attività quotidiane.

Nei casi più gravi o se il trattamento conservativo non fornisce sollievo sufficiente, può essere considerata la terapia farmacologica, come gli anti-infiammatori non steroidei (FANS) o gli analgesici. In alcuni casi selezionati, può essere necessario un intervento chirurgico per riparare o ricostruire il legamento danneggiato.

È importante sottolineare che la sindrome dell’interosseo anteriore è una condizione che può richiedere tempo per guarire completamente. Il recupero può variare da individuo a individuo e dipendere dalla gravità della lesione e dalla risposta al trattamento.