Skip to main content

In breve

La sindrome dell’interosseo posteriore è una condizione caratterizzata dalla compressione o dall’irritazione del nervo interosseo posteriore.


Vai alla Sezione

Sindrome dell’Interosseo Posteriore

Descrizione

La sindrome dell’interosseo posteriore è una condizione caratterizzata dalla compressione o dall’irritazione del nervo interosseo posteriore. Questo nervo è responsabile della forza e della coordinazione dei muscoli dell’avambraccio, in particolare dei muscoli che controllano l’estensione del pollice e le dita. La sindrome dell’interosseo posteriore può essere causata da traumi, sovraccarico ripetitivo, compressione o malattie infiammatorie.

Sintomi

I sintomi comuni della sindrome dell’interosseo posteriore includono dolore nell’avambraccio, debolezza o difficoltà nell’usare il pollice e le dita. Il dolore può essere localizzato nell’avambraccio o può irradiarsi verso il polso, la mano o il gomito. I sintomi possono peggiorare durante l’uso delle mani, ad esempio durante la presa di oggetti o durante l’esecuzione di attività che coinvolgono il movimento del polso e delle dita.

Diagnosi

La diagnosi della sindrome dell’interosseo posteriore viene solitamente effettuata attraverso una valutazione accurata dei sintomi e un esame fisico. Il medico può eseguire test specifici per valutare la forza e la coordinazione dei muscoli dell’avambraccio, come il test di resistenza dell’estensione del pollice e delle dita o il test dell’estensione del polso contro resistenza. In alcuni casi, possono essere richiesti esami di imaging, come una radiografia o una risonanza magnetica, per escludere altre condizioni o danni strutturali.

Cure

Il trattamento della sindrome dell’interosseo posteriore dipende dalla gravità dei sintomi e dalla causa sottostante. Le opzioni di trattamento possono includere:

  1. Riposo e limitazione delle attività che aggravano i sintomi.
  2. Applicazione di ghiaccio sulla zona interessata per ridurre l’infiammazione.
  3. Utilizzo di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione.
  4. Fisioterapia per migliorare la forza, la flessibilità e la coordinazione dei muscoli dell’avambraccio.
  5. Utilizzo di tutori o splint per fornire sostegno e ridurre lo stress sulla zona interessata.
  6. Se il trattamento conservativo non è efficace, può essere presa in considerazione la chirurgia. L’intervento chirurgico può coinvolgere la decompressione o la liberazione del nervo interosseo.