Skip to main content
  • Ecografia Ostetrica

    L’ecografia è un’indagine strumentale per immagini che viene eseguita dal ginecologo. Consente attraverso l’utilizzo di una sonda, appoggiata sull’addome della mamma, e di uno schermo, di verificare la corretta crescita del feto, di scoprire il sesso del bambino, di visualizzare i suoi movimenti e di individuare alcune malformazioni. Per la sua capacità diagnostica è considerato uno degli esami più importanti a cui sottoporsi durante la gravidanza, esso infatti consente anche di calcolare le settimane di gestazione e quindi determinare la data del parto.

    L’ecografia ostetrica è un esame non invasivo, sicuro e preciso.

    Durante i 9 mesi della gravidanza, sono consigliati almeno tre esami ecografici:

    • L’ecografia del primo trimestre (in genere tra la 11° e la 13° settimana) permette di verificare il corretto impianto del sacco gestazionale in utero e valutare il numero di embrioni; verificare la datazione dell’epoca gestazionale e stabilire di conseguenza il termine previsto della gravidanza; visualizzare eventuali anomalie uterine o annessiali che potrebbero creare problemi nel corso della gravidanza o durante il parto.
      Nel corso di questo esame vengono misurati la lunghezza cranio-caudale (CRL) e/o il diametro biparietale (DBP) e il valore della Translucenza Nucale (NT).
    • L’ecografia del secondo trimestre, detta anche ecografia morfologica (a 19-21 settimane);
    • L’ecografia del terzo trimestre (tra la 28° e la 32° settimana), detta anche “di accrescimento” poiché utile a verificare la crescita del feto. Quest’esame serve, altresì, per valutare la quantità di liquido amniotico (segno del benessere fetale), controllare la sede della placenta e individuare anomalie nel feto con insorgenza tardiva. Vengono misurate alcune parti del corpo del feto (la testa, l’addome e il femore) i cui valori vengono confrontati con i valori rilevati nelle precedenti ecografie e con i parametri di riferimento per valutare se l’accrescimento sta avvenendo in maniera regolare.

    Per pianificare in una volta sola tutte le visite, gli esami e gli accertamenti previsti nei 9 mesi di gestazione è possibile rivolgersi allo Sportello Nascite.

    Non rischiare di perdere le notizie più importanti sul Punto Nascita, rimani aggiornato.